Benvenuto

0 item(s)

Altre viste

Giorgio Gattei

Economisti in equilibrio

(Formato 14x21)

ISBN: 9788896691557

Disponibilità: Disponibile

€ 16,50
O

Dettagli

Dura la vita dell’equilibrio economico! Costruito pazientemente sul finire dell’Ottocento dapprima come tanti equilibri “parziali” (A. Marshall) e poi come equilibrio “unico e generale” (L. Walras), nel corso del Novecento esso è stato complicato soprattutto da J. Schumpeter (all’equilibrio si ritorna, ma dopo lo squilibrio d’innovazione) e da J.M. Keynes (c’è sempre il rischio di precipitare nell’equilibrio di sottoccupazione). Perché l’equilibrio economico non è uno “stato di fatto” raggiunto spontaneamente dal gioco della domanda e dell’offerta, ma un obiettivo di politica economica perseguibile con l’azione congiunta della “mano visibile” dello Stato e della “mano invisibile” del mercato. Ma, quando c’è, segue almeno la quiete? Niente affatto, perché allora si rivela (P. Sraffa) che esso mantiene al proprio interno la contraddizione distributiva del salario al profitto che si risolve soltanto con una “chiusura” politica ad opera del soggetto economico più forte, che non sono i salariati (come un tempo si era pensato) e nemmeno i padroni (come si potrebbe credere), bensì la finanza, unico garante dell’equilibrio d’innovazione, dell’equilibrio d’occupazione, dell’equilibrio di ripartizione del reddito. Pagg.160