Benvenuto

0 item(s)

In evidenza

 

 

Nicolaus Sombart - Sergiu Celibidache



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
 

Pietro Aretino - I Modi



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
















 

Felice Vinci - La guerra di Troia è successa in Finlandia



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
 

Antonio Monestiroli - La scuola di Mies van der Rohe



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
















 

Paolo Fenoglio - La Tetralogia wagneriana come profezia di un destino tedesco



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
 



















 

Pier Paolo Pasolini - Ultima vittima di Salò



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
 

Antonio Sant'Elia - Manifesto dell'architettura futurista



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
















 

John Maynard Keynes - Vi spiego la borsa



Vai al libro per avere maggiori informazioni e acquistarlo
 

Dibattito con Giorgio Gattei

Tutti i debiti del mondo



L'istrionico professore spiega la crisi e la sua vulgata: debito, euro, speculazione...
















 

In libreria




Il 1932 è un anno trinfale per Tazio. Sedici le corse dove gareggia portando a casa 7 vittorie assolute. Le macchine con cui gareggia sono tutte 8 cilindri sovralimentate. È il 28 aprile – undici giorni dopo il trionfo al GP di Monaco – che Nuvolari viene ricevuto da Gabriele D’Annunzio al Vittoriale..
 

Recensioni

Massimo Gatta recensisce sul supplemento “Domenica da collezione” de Il Sole 24 Ore “Il sorbetto di Leopardi” di Alberto Savinio
















 

Keynes - vi spiego la borsa.



Come con il divorzio diventa possibile abbandonare in ogni momento il proprio coniuge per tentar miglior fortuna con un altro, altrettanto nella Borsa moderna può diventare conveniente acquistar titoli, non tanto per conservarli “per sempre”, ma per venderli (salvo anche ricomprarli più tardi) secondo la logica commerciale dell’“usa e getta”. È così che l’investimento del risparmio nelle imprese, che è “illiquido” per la società nel suo complesso perché espresso in titoli rappresentativi di beni-capitali materiali, si fa “liquido” per l’individuo, che può sempre disfarsene con la massima comodità e velocità. Da qui la volubilità della Borsa.
 

In libreria



Disponibile in libreria “Quelli del jazz” di Nardo Giardina